top of page

English:

 

Concept: Modular (systems) - 2011/in progress.

Modular repetition / Transformation / Dynamic state of matter / Time sequence and its arrow / Entropy of physical systems 

Time sequence is manifested in nature through the signs generated by entropy (state function of the degree of disorder of a physical system). The surfaces of the works symbolize the dynamic state of matter, the manifestation of transformation is a different unit of time whose direction is the result of irreversible mutation. Martini investigates sign-symbols by aiming to dramatically represent the effects of the passage of time. The surface of the work marked by intervention (this time human) does not undergo decay but sublimation because it witnesses the physical dynamics that regulate reality. Rae celebrates the spontaneously generated material states, working by cyclical addition and subtraction of the ancient papers that thanks to their temporal age also contribute conceptually to the creation of the Modulari. The works reflect chronological flow and are thus visual chronometers without hands, a characteristic inherent in that which undergoes mutation. The individual repeated modules represent the metamorphosis that accompanies the perpetual linear passage of consecutive instants, and are fundamental physical elements whose conceptual component takes the created whole from spatial to temporal.

"The manifestation of the passage of time is a resource that I can employ by using its codes. Surface stories tell themselves spontaneously without the need for words or validation. Often the signs generated seem to encapsulate a pre-alphabetic script, delivering a nonverbal message and telling themselves through the changing state to which each elapsed moment adds a new paragraph. I read changing environments and what time offers through its own way of manifestation. The surfaces I make are thresholds on which the present vibrates in its nature as an instant in delicate balance, they are imaginary lines on which the sign manifests itself in continuous symbiotic alteration with the temporal factor that ineluctably drags the evolution of things. The Modulars symbolize transformation and the way in which individual events follow one another in mutual relationship. With Kant, the irreversible character of the temporal sequence of events is connected to the relation between cause and effect, which is also irreversible. My research consists in exploring the folds of the effect (time) with the intention of bringing it to the image-symbol of the cause that generated it: the entropy of the system and thus the dynamic state of matter."

The underlying theme of the Modular works is the conscious belonging to a universal physical system articulated in a series of complex natural processes that humanity has only partially understood. In the macroscopic four-dimensional space, the temporal sequence flows in a linear manner and is represented by the author through the repetition of modules, which is itself linear. This sliding manifests the mutation of the surface system, up to the present moment. If we could move in an inverse linear manner, we could access all (previous) stages of the process and the concept of past, present and future would cease to exist because they are unrelated to the direction of the temporal arrow. Rae creates symbols of a physical condition to which matter is inextricably linked and which consists of manifesting the macroscopically irreversible effects of entropy. Old paper (1780/1830) is an instrument imbued with its own historical time, through which the author defines modular spaces on the canvas as symbolic chronometric units repeated in sequence and having the same aesthetic "duration." The state of matter is the protagonist and lies on that thin portion of space, on the contour of a body that stands as the threshold of the limit between the outer space and the space occupied by the body itself.

"Time knows how to draw with precision, how to add, subtract and create scenarios much better than a human being. The surfaces converse with light with eloquent dignity, able to return it deafly, flatly, inviting us to watch it change through the hours (or decades) in symbiosis with the light itself. And here we are faced with a perfect synthesis of reality: space, time, gravity and light in all their drama. It doesn't matter whether it is the walls of a medieval stronghold or the back of a billboard that are acting out this script, the common multipliers that manifest themselves are the same factors destined to be cyclically scriptwriters, directors and actors in an endless film. Chromatically speaking, I use no "cosmetics" in my work. Black and white are what I need to express what I seek, all the intermediate shades between the two are created automatically due to combustion, and it is a result that I merely witness by controlling it during the creative process. I feed on contrasts, on the rhythm created by the "binary" bi-chromatic palette. Moved by the force of gravity that causes it to flow downward, the black enamel creeping between the folds of the applied papers creates elemental units constitutive of a whole, called precisely Modular. Modules follow one another regularly, flowing like time units, seconds into minutes, days into years, decades into centuries. From left to right, from top to bottom, I write the passage of time, in black and white."

Italiano:

Concept: (sistemi) Modulari - 2011/in corso.

Ripetizione modulare / Trasformazione / Stato dinamico della materia / Successione temporale e sua freccia / Entropia dei sistemi fisici 

 

La successione temporale si manifesta in natura attraverso i segni generati dallo stato dinamico della materia, che le superfici delle opere simboleggiano. Il manifestarsi della trasformazione è una differente unità di misura temporale la cui direzione è il risultato di una mutazione irreversibile. Martini indaga i segni-simbolo puntando a rappresentare drammaticamente gli effetti dello scorrere del tempo. L'opera segnata dall'intervento (questa volta umano) non subisce decadenza ma sublimazione perché testimone delle dinamiche fisiche che regolano la realtà. Rae celebra gli stati materici spontaneamente generati, lavorando per addizione e sottrazione ciclica delle carte antiche che grazie alla loro età temporale contribuiscono anche concettualmente alla creazione dei Modulari. Le opere riflettono lo scorrere cronologico e sono quindi cronometri visivi, privi di lancette, caratteristica propria di ogni cosa che in natura subisce una mutazione. I singoli moduli ripetuti rappresentano la metamorfosi che accompagna il trascorrere lineare perpetuo di istanti consecutivi, e sono elementi fisici fondamentali la cui componente concettuale porta l'insieme creato da spaziale a temporale.

 

“Il manifestarsi dello scorrere del tempo è una risorsa che posso impiegare utilizzandone i codici. Le storie delle superfici si raccontano spontaneamente senza bisogno di parole o di validazione. Spesso i segni generati sembrano racchiudere una scrittura pre-alfabetica, consegnando un messaggio non verbale e raccontandosi attraverso il mutevole stato a cui ogni momento trascorso aggiunge un nuovo paragrafo. Leggo gli ambienti mutare e quello che il tempo offre attraverso il proprio modo di manifestarsi. Le superfici che realizzo sono soglie sulle quali vibra il presente nella sua natura di istante in delicato equilibrio, sono linee immaginarie sulle quali si manifesta il segno in continua alterazione simbiotica con il fattore temporale che trascina ineluttabilmente l’evoluzione delle cose. I Modulari simboleggiano la trasformazione e il modo in cui i singoli eventi si susseguono in rapporto reciproco. Con Kant, il carattere irreversibile della successione temporale degli eventi viene connesso alla relazione tra causa ed effetto, anch’essa irreversibile. La mia ricerca consiste nell’esplorare le pieghe dell’effetto (il tempo) con l’intenzione di portarlo a immagine-simbolo della causa che lo ha generato: l'entropia del sistema e quindi lo stato dinamico della materia."

 

Il tema portante delle opere Modulari è la consapevole appartenenza del tutto ad un sistema fisico universale articolato in una serie di processi naturali complessi che l’umanità ha compreso solo parzialmente. Nello spazio quadridimensionale macroscopico la successione temporale scorre in maniera lineare ed è rappresentata dall’autore tramite la ripetizione dei moduli, a sua volta lineare. Questo scorrimento manifesta la mutazione del sistema superficie, fino al momento presente. Se potessimo muoverci  in maniera lineare inversa, potremmo accedere a tutti gli stadi (precedenti) del processo e il concetto di passato, presente e futuro smetterebbero di esistere perché slegati dalla direzione della freccia temporale. Rae crea simboli di una condizione fisica alla quale la materia è legata in maniera indissolubile e che consiste nel manifestare gli effetti macroscopicamente irreversibili dell'entropia dei sistemi fisici. La carta antica (1780/1830) è lo strumento intriso di un tempo storico proprio, tramite il quale l'autore definisce gli spazi modulari sulla tela come simboliche unità cronometriche ripetute in successione e aventi la medesima “durata” estetica.

Lo stato della materia è protagonista e giace su quella porzione di spazio sottile, sul contorno di un corpo che si pone come soglia del limite fra lo spazio esterno e quello occupato dal corpo stesso.

 

“Il tempo sa disegnare con precisione, sa aggiungere, sottrarre e creare scenari molto meglio di un essere umano. Le superfici dialogano con la luce con eloquente dignità, capaci di restituirla in maniera sorda, piana, invitandoci ad osservale mutare attraverso le ore (o le decadi) in simbiosi con la luce stessa. Ed eccoci di fronte ad una sintesi perfetta della realtà: spazio, tempo, gravità e luce in tutta la loro drammaticità. Non importa se a recitare questo copione siano le mura di una roccaforte medievale o il retro di un cartellone pubblicitario, i moltiplicatori comuni che si manifestano sono i medesimi fattori destinati ad essere ciclicamente sceneggiatori, registi ed attori di una pellicola senza fine. Cromaticamente parlando, non uso trucchi, non c’è cosmesi nel mio lavoro. Nero e bianco sono ciò che mi occorre per esprimere quello che ricerco, tutte le sfumature intermedie tra i due si creano in maniera automatica grazie alle combustioni ed è un risultato a cui mi limito ad assistere, controllandolo durante il processo creativo. Mi nutro di contrasti, del ritmo creato dalla palette cromatica "binaria". Mosso dalla forza di gravità che lo fa scorrere verso il basso, il colore nero che si insinua tra le pieghe delle carte applicate crea unità elementari costitutive di un insieme, detto appunto modulare. I moduli si susseguono regolarmente scorrendo come le unità temporali, i secondi nei minuti, i giorni negli anni, le decadi nei secoli. Da sinistra verso destra, dall’alto verso il basso, scrivo lo scorrere del tempo.”

 

 

bottom of page