top of page

English:

Phenomenology and Synthesis in Rae Martini's Art

by Julie Kogler.

 Childhood experiences can remain so deeply imprinted in the mind, that they can mould and drive an entire life.  
The artist Rae Martini has been “initiated” very early at the age of 12, when he found himself in front of a series of pieces painted on a well known hall of fame in Milan; young Martini was struck by that sight to the point that he got convinced that he also would engrave his passage on the neighbourhood walls. He made his first outline after that “revelation”, with short means available but already with that amount of excitement that would soon push him to dive totally into the underground world of writers. Already at the end of the Eighties in some areas of Milan, Writing had characterized streets, subways, buildings and trains covering the monochromatic grey of the town and  qualifying the urban area with a touch of human presence. The writings or tags are the vehicle to spread the name and to mark the boundaries of your territory with spray colours as an attempt of self-affirmation against the other crews. That was the time in Milan for artists like Zpyder 7, busy at importing the flowering artistic Wild Style from the Big Apple to Italy, becoming inspiring models in their turn.
Rae Martini was amazed by the style, the speed of gesture, the power of those pieces done by the other guys of his area such as Sky:4, Kray and Bangsta and he wished to join that world. In order to be ready to face the hard challenge with the streets, Rae Martini practices in the silence of his home, filling piles of paper sheets with his first drawings and most of all outlines.

It is a matter of talent and commitment: the more he draws, the more his work gains the convincing power that is needed to reach the homogeneous line that all writers search. Ink and crayons become the allies to get to the stylistic virtuousness that Rae Martini intends to apply to the urban surfaces. Contemporary heir of the Italian masters of precious Medieval miniature, his autograph painting is also contaminated by the sensuous lines of the Eastern tradition in which writing and painting are merging. Writing on paper comes out as an irresistible need, carrying in its heart the seed of the automatic writing of the Surrealists. However, Rae can add awareness to his lines even in the urgency of the sign and in that the teaching of the great Informal artists such as Hartung, Wols or Capogrossi is revealed. Rae Martini builds small architectures of characters standing out of the paper surface in a constant evolution of the so called lettering. Besides the indefatigable studies on paper, Rae practices also on small canvas, wooden drawers and any kind of material that falls under his sight, with the purpose of transferring his studies to the buildings' walls of the largest city in the North of Italy.

 The guys from Lambrate walk in the footsteps of some of the New York style masters such as Phase 2, Kase 2, Dondi White, Terrible T-Kid 170, Noc 167 and TATS crew. In Milan, the explosive lettering of the USA pioneers is studied in fanzines and publications like IGTimes, Spraycan Art e Subway Art. Those who can, dare the direct challenge going to New York City to absorb the peaks, the arrows and the energetic lines of the successful Wild Style from the source. The tags interpreted through the Wild Style approach include crossing and overlapping letters or independent forms made in the burners, allowing only the initiated ones to decode the writings. 
 
The Wild Style technique born in the previous decade in the environment of New York ghettoes and racial discrimination, sets the rules for the streets invasion also for Rae Martini, in the attempt of celebrating his own personal signature. But street writing is considered illegal, so the secret identity becomes a must for the private safeguard, and so one can adopt an original nickname. The first Rae Martini's tag, Rax:e, engraved with quick gesture on each wall, will turn later into more complex and intricate forms of the beloved style. 
In his throw ups, he combines the quick execution and the control of the outlines, sometimes drawing them with one line in a dynamic flow using 2 or 3 colours. The Wild Style that Rae supports in Milan is different from the European style for its new suggestions beyond the usual aesthetic set of rules. Rae prefers elaborate forms with entangled crossing characters, constellated with curves, peaks, lancets, in a daring contorsion which generates virtual architectures with tridimensional feeling. Seeking to reach New York models and observing Italian pioneers, Rae finds a personality with which he affirms himself gaining the respect of the associates. He distinguishes himself for the high mastery of the artistic language that shoots him forward to the peaks of the international writing. The main fuel is to keep up with the competition, to constantly improve the writing technique to let your own voice be heard in that thick jungle where “you are what you paint”.

The push to write is restless, fueled by the adrenaline that Rae feels each time he sees his name on the trains with the big letters evolving in more and more polyhedric forms, although they are still keeping the main structures and the Wild Style rules. Rae spreads his nickname in a capillary way, making exception for sacred places and monuments, and respecting the other writers' work.
Firmly attached to his cultural roots and equipped with a considerable technical background, Rae Martini works at raids in town, in order to conquer back a space that had been taken away from the youth's world and to celebrate himself as a character.
The writing culture spreads all over and the town unfolds like a big open book in which the writings on the walls let the people passing by perceive, think over, be involved. However, the coming of a world more and more ruled by the urgency of business transforms and corrupts the town: the city centers are more and more overwhelmed by slogans on each and every surface homologating them in a repetitive and predictable way. The urban space risks to lose its original conception as public place for meetings and discussion giving place to private property instead. On the contrary, the writers' crews claim it back as a place of municipal involvement and collective exchange playing with signs, symbols, images and using it as an ambitious stage on which they can perform, experiment visually, store inputs and as a source of inspiration for the new “pieces”. Aware of the artistic intent of the project, writer Rae dedicates himself both to buildings surfaces and trains. Not risk free. The challenge with danger happens when Rae ventures into the subway's labyrinths, in spite of the high voltage electric lines and running away from the cops chasing him. Coaches and wagons are available for Martini as mobile supports to spread his iconography carrying his pieces all around the stations.
 
The letters in movement recall the dynamic paintings by Boccioni, the opening of the colours bands are affected by the energetic movement of light made visible by the futuristic art in a lively effect of breaking down in its tiniest elements.
The artist runs on the tracks between creative output and life danger, offering new readings and visions.  In this way, Rae uses the big letters painted with spray on surfaces as weapons for his mission, with the constant focus on escaping the authority repression. 
Rae Martini's teen age years develop around non-stop writing and there he finds the way of relief for his rebellious creativity. He takes inspiration from the underground pioneers and from the deteriorating walls noticed during his excursions in city streets.
Communication and interaction with other urban expressions turn into a real life style, adopted in a system with unwritten code.
The young boy gets nourished by staying in touch with the risk, the streets, the suburban decay, the challenge with other groups, and the growing feeling of belonging to a real artistic environment. Rae Martini spends the nights out with the faith and the commitment of somebody who wants to deliver new letters and colours to the world at dawn. This intellectual and artistic awareness takes Rae to an important growth towards the end of the Nineties of his unforgotten need to dedicate himself to experimenting on canvas.
 
Rae's name, so far standing out especially on trains in Milan, starts to bounce also in galleries, museums, specialized press, and introduces itself with growing success into the establishment of the so called “art system”.

His compositions on canvas are more and more requested and the artist takes part in international exhibitions; at the same time,  requests and commissions are pouring on him and they lead him to work almost exclusively for the fine art world.   
The differences between the “street” commitment and the studio one become more evident and integrate each other at the same time.  The big courageous characters of urban writing are followed by the more meditative and intimate sign, used with strictness in order to convey a form still influenced by the rhythm and the instinct polished in the night environment.
The direct strength and the power of his line are exalted in both researches. 
Like two different planets spinning in parallel but distant, the writing differs from the painting on the precious support of canvas, requiring a different language that doesn't consist in the visual transposing of one into the other but in a sensorial and conceptual transposing of its intrinsic nature.

The colour and matter exploration becomes more emotional on canvas and it reveals the numerous facets of the writing activity that Rae Martini has practiced in the streets for decades. The emotions lived on his skin in Milan, come out in the multi-layered texture of his canvas, condensing the writing experiences and his visions in more and more stratified pieces that recall the abstraction. 
For Martini, painting canvas means giving body and skin to his memory as a writer, the unavoidable presence of the night, the absence of light and colour to be filled, the perception of the transition of existence that never stays still but changes  necessarily like the moon in its rising and descending phases. The combined paintings, or collage, consist in overlapped interacting layers merging, detaching, coming close in a virtual assembly of the living experiences. Rae elaborates the layers with spray, enamel, polish, pastel and then tar, diluent, soil, cement, glue and papers in materic paintings pulsating with the heart of the metropolis. Just like he was once signing the walls of public buildings, now he is aggressing the canvas membrane. Rae mutilates the surfaces, he adds, he subtracts, he engraves, he glues parts on and tears parts off in order to make the substanding layer emerge again, letting go in an instinctive painting giving wide space to the unpredictable.

He often elaborates some techniques using unusual devices – like fire -, to mark the canvas and convey a “used, consumed, billions of years ancient” aspect. Some other times, he uses wall-posters as a background for his works, reversed and glued on the fabric and after that he covers it with letters and patterns. As in the streets the pieces are covered by opposing writers or by the city cleaning services, or they fade due to the weather, in the same way Rae Martini affects the canvas following mysterious inner principles, adding or subtracting some elements. 
 
In both procedures, both outside or on canvas, the time element characterizes the external final aspect of the piece.  
The piece painted in the street is affected by changes due to external factors compromising how long it lasts and how it is conserved. On canvas, instead, it is the artist himself who determines the metamorphoses of his construction. Sometimes, the stylized characters are the focus of the canvas and the composition process is built all around them. Some other times, the throw ups let themselves be seen through the thick overlapping layers as if the canvas were made under emotional pressure and in a state of risk in the neck. Some pieces show a surface which is rough when touched and damaged at sight, and they are able to tell about the corroded walls of the cities with their imprints and marks falling apart under the different influences, and at the same time witnessing the scars of a wounded civilization. 

The canvas always represent flashbacks of the street activity, maintaining it in the concept and emotions of the expressive forms. The frequent choice of a chromatic minimal style with red, white and black reflects the favourite palette of the Wild Style.
In the multi-layered mixed-medias painting of the most recent pieces by Rae Martini, you can sometimes perceive the shapes of the windows of subway trains, or drawings of lettering characters  just hinted, some other times, instead, those numbers used to label the trains wagons.  A painted red line refers to high voltage electric line that Rae was dribbling during his  bombings in the public means railway, while the yellow flashes remind of the dim street lights in the long nights outside. When the artist sprinkles the surface with tar and soil, he recalls the environment of his excursions in tunnels and in the streets of Milan. In some paintings, stylized stars emerge from the substrate referring to the writing through which Martini has tasted his own vision of the American dream. Although Rae Martini has found his very personal turn, some phenomenologic similarities with some representatives of the Informal Art can be noticed. 

The research about the expressive qualities of the matter beyond forms and shapes, is connected to the work of Alberto Burri, the great Italian Informal artist after the war. On a parallel level, the polymateric painting of Rae Martini is in a dialogue with the corporeal abstraction of Paolo Barrile. From the touch similar to Jackson Pollock manifesting in the lively gestual execution of large canvas, you can infer the creative urgency pouring out from his love for art and typical of his unrestrainable impulses.

 
If it would be appropriate to find a philosophical paradigma to figure out about the intense work of Rae Martini, the tutorial divinity of his artistic path could be the German thinker  Friedrich Hegel. The foundation – thesis – of the artist is the lettering, or writing;  a lifetime dedicated to operating in the urban environment, openly, constantly refining the spray technique, with the adrenaline of risk and of gambling using the alphabetic elements to convey and affirm his thesis of unpredictability with awareness. However, after more than one decade of street activity, Martini is devoted to a more  intimistic research, in the protected and closed environment of his studio, far from the concrete challenge of the streets and from the rough of the walls surfaces, attaining that kind of Informal painting on canvas that allow him a high expressive freedom, without any time restriction. This reveals to be the antidote – the needed antithesis  – of his artistic path. When the pendulum swings to the extreme on one side, according to the laws of the physics it must necessarily move to the opposite direction to rebalance the tension. 

At the beginning of the new Millenium Rae Martini brings together the technical experience and the adrenaline of the streets with the conceptual reflection and the eloquence of the painted surfaces, with the awareness to experiment inedited expressive possibilities, developing a harmony of emotions and gestures in which the mysterious symbols of his artistic incipit come back to surface in the chromatic passages of his paintings. In this way exalting his work and proclaiming the achievement of his Art synthesis.

Italiano:

Fenomenologia e Sintesi nell'Arte di Rae Martini
di Julie Kogler

Ci sono esperienze vissute nell’età infantile che riescono a imprimersi per sempre nella mente di chi le vive, tanto da plasmare un'intera vita. Rae Martini fu precocemente segnato quando a 12 anni si ritrovò di fronte a una serie di pezzi dipinti in una nota hall of fame di Milano; il giovane Martini venne colpito da quella visione a tal punto che si convinse di dover incidere anch’egli il proprio passaggio sui muri del quartiere. Eseguì la sua prima traccia dopo quella “rivelazione” con scarsi mezzi a disposizione ma già con quella porzione di eccitazione che da lì a poco l’avrebbe spinto a immergersi con determinazione nel mondo underground dei writer. Già alla fine degli anni '80 in alcune zone milanesi i "pezzi" (dall'inglese "pieces") caratterizzavano strade, sottopassi, edifici e treni, coprendo le grigie tinte unite della metropoli e qualificando l'area urbana con un tocco di presenza umana. All'epoca non mancavano a Milano artisti come Zpyder 7 che avevano importato in Italia il fiorente Wild Style dalla Grande Mela, divenendo per i ragazzini modelli a cui ispirarsi. Rae Martini rimase affascinato dallo stile, dalla velocità del gesto, dalla potenza di quelle scritte e pezzi degli altri ragazzi della sua zona come Sky:4, Kray e Bangsta, desiderando di unirsi a quel mondo. Per affrontare il rigido confronto con la strada, Rae Martini si allena nel silenzio della sua casa, riempiendo cataste di fogli di carta con le sue prime prove, disegni e soprattutto scritte.

È una questione di talento e d'impegno: più disegna e più il suo stile conquista la forza convincente e necessaria per quel tratto omogeneo a cui tutti i writer mirano. La china e le matite diventano gli alleati per raggiungere il virtuosismo stilistico che Rae Martini intende applicare sulle superfici metropolitane. 
Erede contemporaneo dei maestri italiani di preziose miniature medievali, la sua pittura autografica risente anche delle sinuose linee della tradizione orientale in cui si fondono scrittura e pittura. Lo scrivere su carta emerge come bisogno incontrollabile che conserva nel suo cuore il seme della scrittura automatica dei surrealisti. Eppure, Rae sa conferire una linea consapevole alla sua urgenza “segnica” laddove si rivela la lezione dei grandi artisti dell’Informale quali Hartung, Wols o Capogrossi.

Quelle di Rae Martini sono piccole architetture di caratteri che si stagliano dalle superfici cartacee in una continua evoluzione del cosiddetto lettering. Accanto agli studi instancabili su carta, Rae si esercita altresì su tele di piccole dimensioni, cassetti di legno e qualsiasi supporto tecnico gli capiti a tiro, con l’obiettivo di trasferire i suoi studi sulle facciate dei palazzi del capoluogo lombardo.
Così Rae Martini affronta finalmente la strada. I ragazzi di Lambrate si muovono sulle orme degli artisti newyorkesi quali Phase 2, Kase 2, Dondi White, Terrible T-Kid 170, Noc 167 e TATS crew, capostipiti di una schiera di writer che agiscono con abilità stilistiche e determinazione sul tessuto cittadino.
 
A Milano, l’esplosivo lettering dei precursori USA si studia in fanzine e pubblicazioni tra cui l’ambita IGTimes, Spraycan Art e Subway Art. Chi può, osa il confronto “dal vivo”, recandosi a New York City per assorbire alla fonte i picchi, le frecce e le linee energetiche dell’acclamato Wild Style.
Le tag interpretate con l’approccio Wild Style incorporano lettere intrecciate o sovrapposte, o forme a sé stanti, realizzate nei burner, che permettono solo agli iniziati dell’ambiente di decifrare le scritture. La tecnica del Wild Style nata dieci anni prima nella New York dei ghetti e della discriminazione razziale, rappresenta per Rae Martini la direzione da seguire per l’invasione delle strade, nel tentativo di celebrare la propria firma personale. Ma la pratica del writing in strada è ritenuta illegale, quindi l’identità segreta diviene indispensabile per l’incolumità privata: ci si esprime allora con uno pseudonimo, marcato e singolare. La prima tag di Rae Martini, Rax:e, incisa con gesto rapido su qualsiasi facciata, sfocerà, poi, in forme più complesse e intricate.

Nei suoi throw ups, abbina la velocità dell’esecuzione al controllo dei contorni, stendendoli talvolta con una sola linea in un flow dinamico a 2 o 3 colori. Il Wild Style che Rae propugna a Milano, si distingue dallo stile europeo in suggestioni nuove al di là dei canoni dell’estetica abituale. Rae privilegia forme elaborate con caratteri attorcigliati e intersecati, cosparsi di curve, pizzi e lancette, in un’audace contorsione che genera architetture virtuali dalla sensazione tridimensionale. Emulando i modelli newyorchesi e osservando i pionieri italiani, Rae trova una sua matrice originale, una personalità con cui si afferma nell’ambiente guadagnandosi la stima dei compagni. Si distingue per l’elevata padronanza del linguaggio artistico che lo proietta tra le vette del writing internazionale. La principale propulsione è di tener testa alla competizione, di migliorare assiduamente la tecnica del writing per far sentire la propria voce in quella giungla inestricabile dove “si è ciò che si dipinge”.

La spinta alla scrittura non conosce tregua, alimentata dall’adrenalina che Rae sente ogni qual volta fissa sui treni il suo nome sviluppato con grandi lettere che si evolvono in figure sempre più poliedriche, pur mantenendo le strutture portanti e le regole del Wild Style. Rae diffonde lo pseudonimo in maniera capillare, risparmiando i luoghi sacri, i monumenti e rispettando il lavoro degli altri writer.
Ancorato alle sue radici culturali e attrezzato di un notevole bagaglio tecnico, Rae Martini opera per interventi artistici in città, per riconquistare uno spazio sottratto al mondo giovanile e per celebrare il suo personaggio. La cultura del writing dilaga e la città si dispiega come un grande libro aperto le cui frasi stese lungo i muri lasciano ai passanti il compito di percepire, riflettere, partecipare. 

Tuttavia, l'incombenza di un mondo sempre più governato dall'urgenza del commercio trasforma e corrompe la polis: i centri cittadini sono sempre più inondati da messaggi pubblicitari che si dipanano su qualsiasi superficie omologandoli con una veste ripetitiva e  prevedibile. Lo spazio urbano rischia di perdere la sua originaria concezione di luogo pubblico d’incontro e dibattito in favore di logiche e spartizioni per privati. Le crew dei writer lo reclamano invece come luogo di partecipazione cittadina e scambio collettivo giocandoci con segni, simboli e immagini, servendosene come ambiziosa ribalta sulla quale esibirsi, terreno di sperimentazioni visive, magazzino di infiniti stimoli e fonte d’ispirazione per i nuovi “pezzi”.

Cosciente dell’intento artistico Rae si divide con nonchalance tra superfici di palazzi e treni. Non senza rischi. Lo scontro con il pericolo avviene quando Rae sfida le linee elettriche dell’alta tensione in metropolitana e sfugge alle forze dell’ordine. Le carrozze e i vagoni sono per Rae Martini supporti mobili mirati a trasportare i pezzi in giro per le stazioni, divulgando la sua iconografia. Le lettere in movimento richiamano le pitture dinamiche di Boccioni, l’aprirsi delle fasce di colori risentono del moto energetico della luce reso visivo dall’arte futurista in un vivace effetto di sgretolamento nei suoi più piccoli elementi. L’artista viaggia sui binari tra l’esternazione creativa e il pericolo di vita, offrendo nuove letture e visioni. In questo modo, Rae usa le grandi lettere dipinte sulle superfici con la vernice spray come armi per la sua missione, con l'attenzione costante di eludere il controllo repressivo delle autorità.

Intorno al writing incessante ruota l’adolescenza di Rae Martini che vi trova il canale di sfogo per la sua creatività ribelle. Prende ispirazione dai pionieri dell’underground e dai muri in deterioramento osservati durante le sue escursioni nelle vie cittadine. La comunicazione e l’interazione con le altre espressioni urbane si trasformano in un vero life style, adottato in un sistema di codici non scritti.
Il giovane si nutre stando a contatto con il rischio, la strada, la decadenza della periferia, la rivalità d’altri gruppi, e lasciando crescere la considerazione di appartenere a una sfera artistica vera e propria.
 
Rae Martini passa le notti fuori casa con la convinzione e l'impegno di chi vuole regalare all'alba successiva nuove lettere da dimostrare al mondo. È questa costante presa di coscienza intellettuale, oltre che artistica, che induce Rae sul finire degli anni Novanta, a una maturazione importante e il bisogno di dedicarsi alla sperimentazione su tela non può più aspettare. Il nome di Rae, che fino a quel momento spiccava soprattutto sui treni di Milano, comincia a rimbalzare anche in gallerie, musei, stampa specializzata e s’insinua con sempre maggiore successo nell’establishment del cosiddetto “sistema dell’arte”. Le sue composizioni su tela sono sempre più desiderate e l’artista diviene protagonista immancabile in mostre internazionali; allo stesso modo fioccano richieste e commissioni che lo portano a lavorare  esclusivamente per il mondo della fine art.  

Le differenze tra l'impegno stradale e quello da studio si accentuano e si complementano al contempo. Ai grossi caratteri spavaldi della scrittura urbana subentra il segno più meditato e intimo, impiegato con rigore per conferire una forma alla sua opera che risente del ritmo e dell'istinto affinato negli ambienti notturni. 
La forza immediata e la potenza del suo tratto si esaltano in entrambi le ricerche. Come due pianeti diversi che girano paralleli ma distanti, il writing si distingue dalla pittura sul prezioso supporto della tela, richiedendo un linguaggio differente che non consiste nella trasmissione visiva dell’uno nell’altra ma piuttosto in una trasposizione sensoriale e concettuale della sua natura intrinseca.
Sulla tela l’esplorazione del colore e della materia si fa più emotiva rivelando le numerose sfaccettature dell’attività di scrittura che Rae Martini ha praticato nelle strade per decenni. Le emozioni vissute sulla propria pelle nell’agglomerato milanese, spuntano dalla tessitura polimaterica delle sue tele, condensando le esperienze del writing e le sue visioni in opere sempre più stratificate che richiamano l’astrazione. 

Dipingere le tele, per Martini, significa dare un corpo, un’epidermide alla sua memoria di writer, la presenza ineluttabile della notte, l’assenza da colmare del colore e della luce, la percezione della transitorietà dell’esistenza che non resta mai ferma ma che muta inesorabilmente come la luna nelle sue fasi crescenti e calanti.   
I combined paintings, o collage, consistono in strati sovrapposti che interagiscono tra loro, che si fondono, si staccano, si giustappongono in un assemblaggio virtuale del vissuto. Rae elabora gli strati con lo spray, gli smalti, il pastello e poi catrame, diluente, terra, cemento, colla e carte in quadri materici nella cui superficie pulsa il cuore della metropoli.

Così come “segnava” un tempo i muri dei palazzi pubblici, così aggredisce le membrane applicate alle tele. Rae mutila le superfici, ne aggiunge, detrae, incide, appiccica e strappa delle parti per far riaffiorare il rivestimento sottostante, abbandonandosi a una pittura istintiva che lascia ampio spazio all’imprevedibile. Spesso elabora tecniche servendosi d'insoliti espedienti – come il fuoco – per segnare la tela e conferire all’opera un “aspetto vissuto, segnato, antico di milioni di anni”. Altre volte impiega i cartelloni pubblicitari come sfondo dei suoi lavori, rovesciati e incollati sul tessuto, che in seguito riempie di lettere e pattern. 
Come in strada le lettere vengono coperte dai writer rivali, dagli addetti comunali, o sbiadiscono sotto l’influenza degli agenti atmosferici, così interviene Rae Martini sulle tele seguendo misteriosi principi interiori, con l’addizione o la sottrazione di elementi.
 
In entrambe le prassi, all’aperto così come sul riquadro intelaiato, la componente temporale contrassegna l’aspetto esteriore finale dell’opera. Per strada, il "pezzo" subisce le modifiche per volontà esterne che ne compromettono la durata e la conservazione. Sulle tele invece è l’artista stesso che determina la metamorfosi del suo costrutto. Talvolta, i caratteri stilizzati sono il perno centrale delle tele, intorno ai quali si innesta tutto il processo compositivo. Altre volte, i throw ups si lasciano intravedere negli intrecci fitti degli strati sovrapposti come se le tele fossero state realizzate sotto pressione emotiva e con la paura alle spalle. Certe opere dimostrano una superficie scabra al tatto e lesa alla vista, capaci di narrare dei muri intaccati delle città con le loro impronte e segni che si sgretolano sotto le varie influenze, testimoniando al contempo le cicatrici di una civiltà ferita.

I quadri rappresentano sempre dei flashback dell’attività in strada, conservandola nel concetto e nelle emozioni delle forme espressive. La scelta frequente per un minimalismo cromatico del rosso, bianco e nero riflette la tavolozza prediletta del Wild Style.
Nella pittura materica delle opere più attuali talvolta si possono scorgere le sagome dei finestrini dei treni metropolitani, o disegni di caratteri del lettering appena accennati, altre volte, invece, quei numeri che s’impiegano per etichettare i vagoni dei treni. Una linea rossa dipinta allude alla corrente ad alta tensione che Rae schivava durante i suoi bombings nella rete dei trasporti pubblici, mentre gli sprazzi di colore giallo ricordano la scarsa luce dei lampioni nelle lunghe notti trascorse fuori casa. 
Quando l’artista asperge la superficie con il catrame e la terra, richiama l’ambiente delle sue escursioni nei tunnel e nelle strade di Milano.  

In alcuni quadri, delle stelle stilizzate emergono dal substrato ricordando il writing attraverso il quale Martini ha assaporato la propria visione del sogno americano.  
Nonostante Rae Martini abbia trovato una vena molto personale, si possono cogliere delle sembianze fenomenologiche con alcuni esponenti dell’arte informale. L’indagine sulle qualità espressive della materia al di là delle figure e della rappresentazione rimanda al lavoro di Alberto Burri, il grande artista informale dell’Italia del dopoguerra. Su un piano parallelo, la pittura polimaterica di Rae Martini dialoga con l’astrazione corporea di Paolo Barrile. Dal tocco alla Jackson Pollock che si manifesta mediante l’accesa gestualità nell’esecuzione delle ampie tele, si evince l’urgenza creativa scaturita dal suo amore per l’arte e dei suoi moti irrefrenabili.
 
Se fosse opportuno un paradigma filosofico per risolvere l'opera densa di Rae Martini, il nume tutelare del suo percorso artistico potrebbe essere il pensatore tedesco Friedrich Hegel.
La base di partenza – tesi – su cui l’artista fonda il suo percorso è il lettering, o writing;  dedicare una vita a operare nel tessuto urbano, allo scoperto, nel continuo affinare la tecnica dello spray, col brivido del rischio e del mettersi in gioco con l’uso sapiente degli elementi alfabetici che veicolano ed affermano la sua tesi all'insegna dell'imprevedibilità. Ma dopo oltre un decennio d’attività in strada, Martini si vota ad una ricerca più intimistica, nell’ambiente chiuso e protetto del suo studio, lontano dalla concretezza del raffronto nelle strade e dalla crudezza dei supporti murali, giungendo così a quella pittura su tela dall’aspetto informale che gli concede un’elevata libertà espressiva, senza restrizioni di tempo o sorta.

Questa si rivela come antidoto – l'antitesi necessaria – del suo cammino artistico. Quando il pendolo oscilla verso l'estremità d'un lato, secondo la legge fisica deve necessariamente muoversi nella direzione opposta per riequilibrare la tensione.
All’inizio del nuovo Millennio Rae Martini concilia l’esperienza tecnica e l'adrenalina della strada con la riflessione concettuale e l’eloquenza delle superfici dipinte, con la consapevolezza di sperimentare inedite possibilità espressive. Matura un’armonia d’emozioni e gesti in cui i misteriosi simboli del suo incipit artistico riaffiorano nei passaggi cromatici delle composizioni pittoriche, sublimando così la sua opera e proclamando la riuscita della sua sintesi nell'Arte.

bottom of page